Relazione Mostra collettiva “Giochi d’Arte” 16 – 22 Maggio 2014

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  

Venerdì 16 Maggio 2014 è stata inaugurata la Mostra “Giochi D’Arte” presso la Galleria Pentart, Vicolo del Cinque, 14 (Trastevere) con la partecipazione di venti artisti le cui opere rimarranno esposte fino al 22 Maggio.

Il Critico A. M. Barbagallo ha voluto conoscere i pittori e si è intrattenuto con loro, osservando e commentando molte delle opere esposte, ha quindi aperto ufficialmente la Mostra, premettendo che non avrebbe tenuto discorsi teorici ma si sarebbe attenuto alla realtà pittorica dell’esposizione, sottolineando subito che ad uno sguardo d’insieme si ha l’impressione di un gruppo d’arte armonioso “quasi un gruppo di collegiali” per l’uso armonico del colore nella maggior parte dei dipinti.

Si è anche complimentato per la bravura evidente con cui il colore è stato interpretato senza cadere in errore e anzi rendendolo in modo personale e “sentimentale”, il colore quindi è stato definito l’elemento “forte” di tutta la Mostra. Ha poi sottolineato come Roma abbia finalmente superato la crisi culturale, tornando ad essere una delle città “forti” dell’arte e ha applaudito l’Associazione Art Arvalia per la ricchezza e la varietà delle Mostre organizzate, suggerendo di inserirsi nei tanti eventi romani dove è privilegiata la via cromatica e il genere naturalistico che tanto contraddistingue molti artisti.

La Presidente Anna Maria Trinchieri ha ringraziato il Gallerista Claudio Morleni per la disponibilità e la professionalità dimostrate nell’allestimento e il Critico per aver evidenziato il nostro essere gruppo e per aver suggerito di tenere presente come elemento caratteristico il cromatismo anche nell’accogliere nuovi soci.

La piacevole serata si è conclusa con un brindisi augurale a cui hanno partecipato numerosi amici degli artisti presenti e alcuni soci che, pur non esponendo, hanno voluto con la loro presenza testimoniare la partecipazione ad un evento culturale importante e la loro appartenenza al gruppo d’arte.

Per la Redazione

Anna Grazia Pozzi